Per il CEO di MicroStrategy bitcoin è proprietà digitale, ethereum è sicurezza digitale


ENGLISH VERSION

Per il CEO di MicroStrategy bitcoin è proprietà digitale, ethereum è sicurezza digitale

Il CEO di MicroStrategy Michael Saylor, che è apparso in un recente episodio del podcast UpOnly, ha affermato che la cosa più importante da capire per un investitore crittografico a lungo termine è lo status politico di un cripto asset cioè se si tratta di una proprietà crittografica o una sicurezza crittografica.
“Per quanto posso vedere, bitcoin è una proprietà crittografica e per proprietà, significa che è visto come un pezzo di proprietà equo e comune al di fuori del controllo di un’azienda o di un gruppo di individui”, ha dichiarato Saylor, aggiungendo che è piuttosto difficile creare una proprietà.
Bitcoin è stato creato dallo pseudonimo Satoshi Nakamoto, che ha rilasciato il white paper originale bitcoin nel 2008. Le monete vengono create attraverso il mining, il che significa che non c’è mai stata una pre-miniera o un’offerta iniziale di monete (ICO). Bitcoin utilizza il meccanismo proof-of-work (PoW), che secondo Saylor è una “distribuzione equa”.
Sottolineando questi aspetti, Saylor ha affermato che il bitcoin può essere facilmente classificato come proprietà digitale. Tuttavia, ha classificato ogni moneta che consente lo staking o utilizza il meccanismo proof-of-stake (PoS) come sicurezza digitale.

“È stato esplicitamente dichiarato dalle autorità di regolamentazione che se c’è una partecipazione e genera rendimento è un contratto di investimento e un contratto di investimento è una sicurezza”, ha aggiunto Saylor. Recentemente, ci sono state alcune discussioni sul fatto che Ethereum sia in realtà una sicurezza. Questo perché Ethereum è stato originariamente finanziato anche attraverso un ICO, che ha avuto luogo nel 2014. All’epoca, gli utenti avevano l’opportunità di scambiare i loro BTC con token ETH e più di 7 milioni di token ETH sono stati venduti nelle prime 12 ore.
Secondo Saylor, il problema con i titoli è che si trovano in una zona grigia regolamentare. “Per poter investire devi essere disposto ad accettare il rischio di titoli, il rischio legale, il rischio competitivo e il rischio letterale di sicurezza informatica”, ha affermato. Questo spiega in parte perché Saylor, un massimalista di bitcoin, è rimasto lontano da ethereum nonostante tutta la recente crescita intorno alla finanza decentralizzata (DeFi) o ai token non fungibili (NFT) che sono principalmente costruiti su Ethereum.
In particolare, Saylor’s Microstrategy ha continuato ad acquistare BTC nonostante tutta la volatilità e i cali. Entro la fine del 2021, la società deteneva circa BTC 124.391, acquisiti a un prezzo di acquisto aggregato di 3,75 miliardi di dollari e un prezzo di acquisto medio di 30.159 dollari per bitcoin, comprensivo di commissioni e spese, secondo i documenti condivisi con la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti.

ARTICOLO CEO