Bukele parla dei piani per Bitcoin City e compra 500 BTC


ENGLISH VERSION

Bukele parla dei piani per Bitcoin City e compra 500 BTC
Fonte: Nayib Bukele / Twitter

Dopo settimane di silenzio su tutto ciò che riguarda bitcoin (BTC), il presidente di El Salvador Nayib Bukele ha annunciato su Twitter che il suo governo ha acquistato 15,4 milioni di dollari di BTC – e ha anche presentato i piani per Bitcoin City. Tuttavia, le voci dell’opposizione continuano a lanciare avvertimenti, con un ex capo della banca centrale che attacca i piani di Bukele di finanziare la costruzione della città con un’emissione di obbligazioni bitcoin.
Il governo di Bukele compra 500 BTC
Come precedentemente riportato, molti osservatori hanno sostenuto che l’emissione di obbligazioni non avverrà, dopo che il governo ha disatteso la propria scadenza di metà marzo. Il governo ha smentito tali affermazioni. Per gran parte dell’anno, tuttavia, Bukele – di solito molto attivo ed esplicito su tutte le cose relative a BTC – è stato in silenzio su questioni relative a bitcoin, twittando invece per lo più sulla guerra del suo governo con le bande di strada pandilla.
Tutto questo è cambiato nelle ultime ore, quando Bukele ha annunciato che il governo ha “comprato dopo il crollo” – acquistando 500 BTC per un “prezzo medio di 30.744 dollari”. I prezzi di Bitcoin hanno continuato a rimanere in stallo vicino alla soglia dei 30.000 dollari, con solo lievi recuperi da quando il presidente ha fatto la sua mossa. Alle 7:14 UTC di martedì, viene scambiato a 32.094 dollari, in calo del 5% in un giorno e del 16,5% in una settimana.
L’acquisto significa che El Salvador ha riserve di bitcoin di oltre 2.300 BTC (73,8 milioni di dollari), anche se non sono state fatte registrazioni ufficiali del governo che dettagliano gli acquisti – e i tweet di Bukele sulla questione sono l’unica comunicazione del governo sull’argomento.
Bitcoin City
Bukele ha anche postato una serie di immagini di un modello 3D color oro della città, che è in costruzione ai piedi di un vulcano attualmente utilizzato per estrarre BTC utilizzando l’energia geotermica.
Ha poi postato due immagini renderizzate che mostrano come sarebbe la Bitcoin City completata di notte, così come quello che sembra essere una piattaforma panoramica o una passerella vicino alla cima del vulcano.
Alcuni sostengono che i piani di Bukele sono siano attuabili
Francis Pouliot, l’amministratore delegato di Bull Bitcoin, non ha visto di buon occhio gli sviluppi e ha dichiarato che è “assolutamente folle che alcune persone credano davvero” che il progetto andrà avanti.
Nel frattempo, Carlos Acevedo, l’ex governatore della banca centrale, la Central Reserve Bank di El Salvador, ha detto ad un canale televisivo salvadoregno che la “speranza” del governo di emettere le obbligazioni è “già svanita”.
Per ElSalvador.com, Acevedo ha indicato un conto di 800 milioni di dollari che il governo dovrà affrontare nel gennaio del prossimo anno, quando scadrà l’obbligazione (convenzionale). Acevedo ha dichiarato che un pacchetto di aiuti del Fondo Monetario Internazionale (FMI) è ormai fuori dal tavolo con “la porta chiusa” a tale appoggio.
E la spinosa questione del pareggio dei conti potrebbe, ha dichiarato l’ex capo della banca centrale, non lasciare al governo altra scelta che quella di “reingegnerizzare” le finanze pubbliche – e nazionalizzare i fondi pensione salvadoregni.
Questo è “qualcosa su cui gli economisti e gli avvocati hanno messo in guardia” per qualche tempo, in particolare quando istituzioni come Moody’s hanno modificato i loro punteggi di credito verso il basso per El Salvador.
La settimana scorsa, Moody’s ha abbassato il rating del paese da Caa1 a Caa3, e ha anche avvertito che c’è la possibilità che lo stato usi i risparmi pubblici “per ottenere liquidità”, e ha denunciato “la mancanza di informazioni” sui piani di Bukele.
Acevedo ha anche attaccato Bukele e il suo governo per la “mancanza di trasparenza nella spesa pubblica”, sostenendo che questo ha alienato gli organismi internazionali. Ha anche affermato che BTC ha perso fino al 50% del suo valore da quando ha raggiunto il suo prezzo massimo, sostenendo che questo avrebbe danneggiato ulteriormente l’economia salvadoregna.

plans