Il Kazakistan pensa ad un aumento delle tasse del 500% per i minatori bitcoin


ENGLISH VERSION

Il Kazakistan pensa ad un aumento delle tasse del 500% per i minatori bitcoin

Come riportato dall’agenzia di stampa locale Kazinform il 4 febbraio, le autorità kazake stanno esaminando l’aumento della tassa sull’elettricità per i minatori di criptovaluta da un tenge a cinque tenge (da 0,0023 a 0,012 dollari). Marat Sultangaziev, il primo vice-ministro delle finanze del Kazakistan, ha inoltre suggerito di richiedere ai minatori di criptovalute di pagare una tassa mensile sulle apparecchiature, indipendentemente dal fatto che guadagnino o meno premi di blocco o addirittura accendano gli ASIC. Il vice-ministro ha paragonato l’idea a una tassa simile che gli operatori di casinò pagano sulle loro macchine.
Il giorno prima, Bagdat Musin, ministro dello sviluppo digitale del Kazakistan, ha pubblicato sul suo profilo Facebook personale un attacco ai minatori “grigi” non registrati accusandoli di aver consumato 1 gigawatt di elettricità del paese.
“I minatori grigi stanno danneggiando gravemente il nostro sistema energetico. Ora si stima che i costi energetici dell’estrazione illegale superino 1 gigawatt”, ha scritto Musin, invitando coloro che sono a conoscenza di operazioni minerarie non registrate a inviare rapporti al suo ufficio. Le regole attuali in Kazakistan distinguono i cosiddetti “minatori grigi” dai cosiddetti “minatori bianchi”. I minatori bianchi sono coloro che hanno firmato un nuovo registro presso il ministero dello sviluppo digitale. Il ministero ha lavorato rapidamente per registrare i minatori per tutta la fine del 2021.

In linea con questa spinta per la registrazione, Musin ha inoltre consigliato ai minatori di criptovaluta grigia non registrati di rientrare nel nuovo regime del dipartimento. La notizia arriva dopo che il governo ha tagliato fuori i minatori di criptovaluta dall’elettricità per la maggior parte di gennaio, poiché il paese ha affrontato diffuse carenze energetiche e massicce proteste per l’aumento dei prezzi del carburante. Mentre quelle proteste infuriavano, il governo ha tagliato l’elettricità in tutto il paese, innescando cali di hashrate per tutti i pool di mining.
Mentre l’accesso a Internet è tornato, l’energia rimane scarsa. Sebbene i rapporti precedenti dicessero che le autorità energetiche kazake stavano pianificando di bloccare l’elettricità ai minatori solo fino alla fine di gennaio, diversi minatori nel paese hanno detto a The Block che stavano ancora aspettando. Makhat Serikuly, consulente sul mining per BlockchainKZ, ha dichiarato a The Block: “Siamo tornati online, ma l’elettricità è ancora limitata. Avevamo un surplus, ma ora un deficit, quindi stanno tagliando l’energia ai minatori”.
Kanat Amren, un minatore kazako, ha concordato sul fatto che la situazione è terribile. “Non si può lavorare senza elettricità, e per ora, i minatori bianchi hanno avuto la loro elettricità spenta”, ha dichiarato Amren. Mentre la Cina ha represso il mining di criptovaluta all’inizio del 2021, il vicino Kazakistan, con la sua elettricità a basso costo, ha accolto un’ondata di minatori. È diventato rapidamente la seconda più grande fonte di hashrate di Bitcoin, dopo gli Stati Uniti e davanti alla Russia. Tuttavia, con la situazione in Kazakistan sempre meno certa, i minatori stanno sempre più cercando di trasferirsi negli Stati Uniti o in Russia, come i minatori locali hanno indicato a The Block.
ARTICOLO KAZAK 500