Il presidente ucraino firma la legge per legalizzare le criptovalute


ENGLISH VERSION

Il presidente ucraino firma la legge per legalizzare le criptovalute
Dopo aver ricevuto milioni di dollari in donazioni di criptovalute, il presidente dell’Ucraina Zelenskyy legalizza le criptovalute nel paese.
• di Alice Zaniolo
• 17 Marzo 2022

Dopo aver ricevuto milioni di dollari in donazioni di criptovalute durante la guerra con la Russia, il presidente dell’Ucraina colpito dalla guerra Volodymyr Zelenskyy ha ora legalizzato le criptovalute nel paese.
Secondo quanto riportato da CoinDesk, ieri, Zelenskyy ha firmato un disegno di legge sugli asset virtuali.
La legge determina lo stato legale, la classificazione, la proprietà e le autorità di regolamentazione delle risorse virtuali, oltre a stabilire i requisiti di registrazione per i fornitori di servizi crittografici
ha affermato ieri il Ministero della Trasformazione Digitale in una dichiarazione.
Dichiarazione del governo ucraino sulle criptovalute
Ecco il tweet del Ministero digitale dell’Ucraina in cui si afferma che il mercato sarà regolato dalla Commissione nazionale ucraina sui valori mobiliari e il mercato azionario. Gli scambi potranno operare legalmente e le banche apriranno conti per loro.
L’Ucraina ha legalizzato il settore delle criptovalute — @ZelenskyyUa ha firmato una legge. D’ora in poi, gli scambi di criptovalute estere e ucraine funzioneranno legalmente e le banche apriranno conti per società di criptovalute. È un passo importante verso lo sviluppo del mercato VA in Ucraina.
— Міністерство цифрової трансформації України (@mintsyfra) 16 marzo 2022
L’ ente statale ucraino ha il compito di “dare forma e perseguire una politica nel campo delle risorse virtuali; determinare l’ordine di circolazione delle risorse virtuali; rilasciare permessi ai fornitori di servizi di risorse virtuali; e svolgere la supervisione e il monitoraggio finanziario in questo settore”, come secondo l’annuncio del governo del mese scorso.
Il ministero delle Finanze sta lavorando a modifiche ai codici fiscali e civili del paese per lanciare completamente il mercato delle risorse virtuali, secondo quanto riferito nella dichiarazione.
Prima che il disegno di legge venisse approvato in parlamento il 17 febbraio 2022 e alla fine diventasse legge ieri, il presidente Zelensky aveva respinto una versione precedente del disegno di legge nel 2021; questo almeno secondo il rapporto di CoinDesk.

COMMENTO. Ricordo che il sistema block-chain è un sistema di falsa democrazia. Ci sono condizioni paritarie tra i nodi, ma è come sostenere che i Cavalieri Templari erano democratici perchè dividevano il cibo e le proprietà. Adesso fare mining è riservato a pochi possessori di supercomputer. il cittadino comune che compra cruptovalute ha infinite possibilità di essere truffato, dal metodo Ponzi allo stesso furto del denaro malamente investito. Coniugare un sistema anarchico con un sistema statale è impossibile. Lo dimostra Meta (Facebook) che ha rinunciato a lanciare la sua criptovaluta. Quindi speriamo che nel mondo si accorgano della validità della mostra proposta di moneta digitale che rispetta i canoni della CBDC.

coindesk