Ci sbagliamo sull’impatto ambientale del mining di bitcoin?


ENGLISH VERSION

Ci sbagliamo sull’impatto ambientale del mining di bitcoin?

L’anno scorso, il CEO di Tesla Elon Musk ha apportato una brusca correzione nel mercato delle criptovalute twittando che la sua omonima compagnia automobilistica avrebbe abbandonato i piani per accettare BTC, citando “l’uso in rapido aumento dei combustibili fossili per l’estrazione e le transazioni di bitcoin”. Tuttavia, un recente rapporto pubblicato da CoinShares rileva che, nonostante l’uso diffuso di carbone, petrolio e gas per il mining di bitcoin, la rete rappresenta meno dello 0,08% della produzione mondiale di CO2.
Durante un’intervista esclusiva con Cointelegraph, Kristian Csepcsar, chief marketing officer di Slush Pool, il più antico pool di mining di bitcoin, ha fornito informazioni su quelle che ritiene siano le attuali idee sbagliate sull’impatto ambientale del mining di bitcoin.
Secondo Csepcsar il gas bruciato durante l’estrazione del petrolio potrebbe essere sfruttato meglio. “Stiamo letteralmente bruciando il gas nell’atmosfera solo perché non è economico fare nulla con esso. Invece, possiamo metterlo in un motore per produrre elettricità e usarlo per estrarre bitcoin”.
Ph. Marco Verch
Il flaring è il processo di combustione del gas naturale in eccesso durante l’estrazione del petrolio a causa della mancanza di infrastrutture di gasdotti per portarlo sul mercato. Recentemente negli Stati Uniti e in Canada, i minatori di bitcoin hanno trovato modi intelligenti per incanalare invece il gas naturale per generare elettricità, invece semplicemente di bruciarlo nell’atmosfera, risolvendo così un problema ambientale critico.
Ma Csepcsar rimane scettico su alcune fonti rinnovabili di mining di bitcoin, chiamandole “rumore di marketing”, in particolare, l’energia solare. Come dice Cointelegraph: “Sul nostro blog, abbiamo pubblicato una ricerca che non siamo grandi promotori dell’estrazione solare; quando si calcola la redditività, non è così buona”.
Cespcsar spiega inoltre che circa il 70% di tutti i pannelli solari sono prodotti in Cina e che non ci sono state molte ricerche sull’impatto ambientale durante il loro processo di produzione: “Produrli crea molte sostanze chimiche nocive. E nessuno ne parla. Tutti pensano solo che i pannelli solari crescano sugli alberi, e poi il sole splenda su di loro. Ma no, il processo di creazione è brutale”.

impatto ambiente