La Russia ha deciso di riconoscere la crittografia come forma di valuta?


ENGLISH VERSION

La Russia ha deciso di riconoscere la crittografia come forma di valuta?

Il quotidiano russo Kommersant ha riferito questa mattina, e in seguito ha twittato, che il governo e la Banca di Russia hanno raggiunto un accordo su come regolare le criptovalute. Ora stanno preparando un progetto di legge, previsto per il 18 febbraio, che definirà la crittografia come un “analogo delle valute” piuttosto che come attività finanziarie digitali. Il rapporto afferma inoltre che sarà possibile utilizzare le criptovalute solo “nel settore legale” con piena identificazione, attraverso il sistema bancario o tramite intermediari autorizzati.
La notizia arriva poche settimane dopo che la Banca di Russia ha spinto per un divieto generale sulle criptovalute in un rapporto pubblicato a gennaio, sostenendo che la natura speculativa del settore rappresentava una minaccia significativa per la stabilità finanziaria dei cittadini. Come parte di tale proposta, la banca centrale ha anche affermato che le istituzioni finanziarie dovrebbero essere fermate dal facilitare le transazioni crittografiche.

Rapporti separati suggeriscono che il presidente Putin sta sostenendo piani per regolamentare l’industria del mining di criptovalute del Paese. Ulteriori dettagli dal rapporto Kommersant suggeriscono che le transazioni crittografiche di oltre 600.000 rubli (circa 8.000 dollari) dovranno essere dichiarate o costituiranno un reato penale. Le multe saranno imposte anche a coloro che accettano illegalmente la crittografia come mezzo di pagamento.

ARTICOLO RUSSIA RICON