La Camera di commercio russa chiede di riconoscere il mining come business


ENGLISH VERSION

La Camera di commercio russa chiede di riconoscere il mining come business

Recentemente, il presidente russo, Vladimir Putin, aveva sostenuto una proposta del governo russo di tassare e controllare l’estrazione di criptovalute e ha respinto il piano della banca centrale di vietarlo. In risposta alla recente proposta, Sergey Katyrin, presidente della Camera di commercio e industria russa, ha scritto al ministro delle finanze Anton Siluanov chiedendo che il mining di criptovalute sia elevato allo status di società e quindi rimosso dalla “zona grigia”, riferisce l’agenzia di stampa russa Tass.
Katyrin ha scritto nella lettera: “Sembra necessario apportare revisioni significative alla legislazione vigente e anche elaborare una serie di nuovi atti normativi che determineranno in particolare lo status giuridico dell’estrazione mineraria come una sorta di attività commerciale, consentendo di escludere questa attività dalla ‘zona grigia’, garantendo tasse pertinenti e altri pagamenti obbligatori”.
Ph. Marco Verch

A parte questo, Katyrin ha proposto chiarezza sulla legalità delle criptovalute prodotte dai minatori, sulla circolazione e sullo status di strumento di pagamento; ha suggerito “lo status giuridico della criptovaluta prodotta dai minatori e la sua ulteriore circolazione e … lo status giuridico della criptovaluta come strumento di pagamento.”
La Camera di Commercio e Industria ha sottolineato che la posizione del rublo russo come valuta ufficiale del paese non dovrebbe essere messa in discussione in nessun momento. Tuttavia, ha osservato che è utile esaminare le esperienze delle nazioni in cui la crittografia è considerata una rappresentazione digitale del valore piuttosto che un metodo di pagamento e in cui lo scambio di criptovalute per prodotti è visto come una transazione. Più di recente, l’ex presidente russo Dmitry Medvedev è stato l’ultimo leader a sollevare preoccupazioni sostenendo che il divieto di crittografia della Russia porterebbe al “risultato opposto”.

ARTICOLO RUSSA