I volumi di trading crypto scendono in Russia e Ucraina


ENGLISH VERSION

I volumi di trading crypto scendono in Russia e Ucraina

I volumi di trading crypto che utilizzano la grivna ucraina (UAH) come valuta fiat, sono scesi quasi ai livelli normali, nonostante le restrizioni bancarie in Ucraina rendano sempre più difficili le transazioni fiat nella regione. Dalla Russia, tuttavia, gli exchange di criptovalute che utilizzano il rublo russo (RUB) sono rimasti ben al di sopra dei loro livelli normali sull’exchange di criptovalute Binance questa settimana.
Su Binance, uno dei più grandi exchange crypto internazionali, che si occupa sia della grivna ucraina che dei rubli russi, i volumi di trading nella coppia di trading tether (USDT) / UAH sono aumentati dopo l’inizio della guerra il 14 febbraio.
Dall’impennata iniziale, tuttavia, i volumi della coppia sono scesi, attestandosi leggermente al di sopra del loro livello normale giovedì di questa settimana.

Oggi il CEO di Binance Changpeng Zhao ha affermato in un post sul blog: “Non pensiamo che sia giusto che le aziende o le piattaforme decidano unilateralmente di congelare le popolazioni degli asset degli utenti. Ci sono normali cittadini russi a Londra, New York. Se un CEO di una banca a Londra avesse il potere di decidere unilateralmente di congelarli gli asset delle persone? Su quali basi? Solo perché non sono d’accordo con il presidente del loro paese? Cosa succede se non sono d’accordo anche con un altro capo di stato in un altro paese? Dovrebbero avere il potere di congelare tutti gli asset dei cittadini di anche quell’altro paese? Dove si ferma? Per questo motivo, siamo consapevoli del fatto che dobbiamo seguire gli elenchi delle sanzioni internazionali e non crearne uno nostro”.

Inoltre, secondo lui, i russi che convertono dal rublo alle criptovalute indeboliscono il rublo, il che indebolisce i poteri della Russia.
Volume di trading in BTC/UAH
Un quadro simile è stato visto anche nella coppia di trading bitcoin (BTC)/UAH, dove il volume è salito al livello più elevato dall’ottobre dello scorso anno nel giorno in cui è iniziata la guerra, prima di scendere rapidamente di nuovo questa settimana.

Volumi di trading in USDT/RUB
Guardando le coppie di trading con il rublo russo, tuttavia, i volumi sulla coppia USDT/RUB di Binance sono rimasti significativamente al di sopra del loro livello normale a partire da giovedì. I dati potrebbero indicare che l’interesse russo per i dollari USA è alto, poiché il paese deve affrontare alcune delle sanzioni economiche più severe mai imposte.

Volume di trading BTC/RUB
Lo stesso può essere visto anche guardando la coppia di trading BTC/RUB, che è stata notevolmente più alta del solito sia prima che dopo l’inizio della guerra.

Sull’ exchange di criptovalute ucraino locale Kuna Exchange, anche i volumi complessivi degli exchange su tutte le coppie di trading sono aumentati all’inizio della guerra, per poi tornare a livelli normali.

Kuna Exchange offre il trading in una gamma di criptovalute sia con la grivna ucraina che con le valute fiat del rublo russo. La coppia di trading USDT/UAH è stata la più popolare nell’exchange, costituendo quasi il 35% del volume nelle ultime 24 ore.
Il recente calo dei volumi di trading tra le coppie fiat russe e ucraine è interessante alla luce delle speculazioni secondo cui la Russia potrebbe potenzialmente utilizzare le criptovalute come un modo per eludere le sanzioni.
Finora, tuttavia, gli esperti affermano che ci sono pochi segnali che indicano questo.
Parlando con Bloomberg, Madeleine Kennedy, direttrice senior delle comunicazioni presso la società di intelligence blockchain Chainalysis, ha affermato che la sua azienda non ha visto prove di “evasione delle sanzioni su larga scala da parte di entità russe sanzionate”.
“Se tentano di utilizzare le criptovalute, sarebbe molto difficile per loro farlo inosservato su larga scala”, ha aggiunto.
Come riportato, Brian Armstrong, CEO dell’exchange di criptovalute Coinbase, ha condiviso un messaggio simile, ritenendo improbabile che gli oligarchi russi o altri utilizzino le criptovalute per evitare sanzioni.
Armstrong ha affermato che “poiché è un ledger aperto, cercare di intrufolare un sacco di soldi attraverso le criptovalute sarebbe più tracciabile rispetto all’utilizzo di contanti, arte, oro o altri asset in dollari statunitensi”.

______
ukraine