Meta si unisce a Crypto Open Patience Alliance insieme a Coinbase


ENGLISH VERSION

Meta si unisce a Crypto Open Patience Alliance insieme a Coinbase

La piattaforma di social media Meta è entrata a far parte del consiglio di amministrazione della Crypto Open Patent Alliance (COPA), che sta lavorando per assemblare un pool di brevetti crittografici che tutti i membri possono utilizzare nel tentativo di incoraggiare l’innovazione. “L’unione di Meta e COPA significa che la crittografia non è una nicchia”, ha dichiarato a Blockworks Max Sills, direttore generale di COPA e consulente di Square. “È una tecnologia da cui dipenderà ogni settore”.
Attraverso COPA, Meta si è impegnata a non far rispettare i suoi brevetti di criptovaluta di base, tranne che per “motivi difensivi”. Questo rende effettivamente i suoi brevetti liberamente disponibili per l’uso da parte di tutti. Alcuni di questi brevetti includono la tecnologia di Meta che consente la creazione, l’estrazione, l’archiviazione, la trasmissione, il regolamento, l’integrità o la sicurezza delle criptovalute, ha dichiarato Sills.
La comunità senza scopo di lucro è stata fondata da Block, precedentemente Square, Inc., ed è composta da oltre 30 membri, tra cui MicroStrategy, Kraken, Uniswap, Chaincode Labs e OKCoin. Il rappresentante di Meta Shayne O’Reilly, che gestisce il gruppo di licenze e transazioni dell’azienda, si unirà ai membri del consiglio di amministrazione di Block e Coinbase. Non è noto chi sia il rappresentante di entrambe le società.

Col tempo, il consiglio sarà governato da un gruppo di nove membri: tre membri di società crittografiche e sei membri di altre società. COPA è uno sforzo intersettoriale con la missione di unire grandi aziende tecnologiche come Meta, con organizzazioni di servizi finanziari, agenzie governative, società cripto-native e altri, per proteggere l’innovazione crittografica.
“Le tecnologie crittografiche sono un bene comune pubblico da cui alla fine tutti nel mondo dipenderanno per il valore delle transazioni”, ha dichiarato Sills. “Proteggere quei beni comuni è fondamentale per il suo sviluppo”. Ecco come funziona: i membri mettono insieme i loro brevetti crittografici per formare quella che l’organizzazione chiama una “libreria di brevetti condivisa”. Ogni membro è quindi libero di utilizzare la tecnologia alla base di un brevetto.
Nei prossimi 12 mesi, il COPA continuerà a raggiungere le Big Tech, le banche e le società di pagamento, ha dichiarato Sills. “Gli obiettivi del COPA nel tempo sono di raddoppiare la riduzione al minimo del rischio [di proprietà intellettuale] in criptovaluta e creare una maggiore protezione brevettuale per i nostri membri”, ha spiegato Sills.

ARTICOLO META ADD