La Banca di Russia chiede il divieto totale delle criptovalute


ENGLISH VERSION

La Banca di Russia chiede il divieto totale delle criptovalute

Il rapporto, “Criptovalute: tendenze, rischi, misure”, è stato presentato durante una conferenza stampa online con Elizaveta Danilova, direttrice del Dipartimento di stabilità finanziaria della Banca di Russia. Il rapporto afferma che le criptovalute sono volatili e ampiamente utilizzate in attività illegali come le frodi. Offrendo uno sbocco alle persone per spostare i loro soldi dall’economia nazionale, rischiano di minarla e rendere più difficile il lavoro del regolatore di mantenere politiche monetarie ottimali, afferma il rapporto.
La banca, quindi, suggerisce che la Russia abbia bisogno di nuove leggi e regolamenti che vietino efficacemente qualsiasi attività legata alle criptovalute nel paese. In particolare, l’emissione di criptovaluta e l’organizzazione della sua circolazione in Russia dovrebbero essere vietate. Il divieto dovrebbe applicarsi alle borse, ai trading desk over-the-counter e alle piattaforme peer-to-peer.
Un divieto esistente di utilizzare le criptovalute per i pagamenti dovrebbe essere rafforzato e dovrebbe essere introdotta una punizione per l’acquisto o la vendita di beni, servizi e lavoro da parte di individui e imprese russi, suggerisce il rapporto.
Gli investitori istituzionali russi non dovrebbero essere autorizzati a investire in attività crittografiche e nessuna organizzazione o infrastruttura finanziaria russa dovrebbe essere utilizzata per le transazioni di criptovaluta. La Banca di Russia ha già vietato ai fondi comuni di investimento di investire in criptovalute. Ora, sta suggerendo di introdurre una punizione per aver infranto questo divieto. Anche il mining di criptovaluta, che è fiorito in Russia negli ultimi anni e ha persino guadagnato alcuni cenni di approvazione dal parlamento del paese l’anno scorso, è stato messo sotto accusa.

ARTICOLO BANK STOP