Il metaverso entra nei piani governativi della Cina


ENGLISH VERSION

Il metaverso entra nei piani governativi della Cina
I governi locali cinesi hanno incluso il metaverso per la prima volta nei loro piani per il 2022, suggerendo la potenziale approvazione del governo per un nuovo e imminente spazio. La Commissione municipale di Shanghai ha chiesto in una nota di “incoraggiare l’attuazione del metaverso in settori come i servizi pubblici, gli uffici aziendali, l’intrattenimento sociale, la produzione industriale, la sicurezza della produzione e il gioco elettronico”.

Wuhan “mira a spingere l’integrazione dell’economia reale con le industrie tecnologiche legate al metaverso, ai big data e al cloud computing”, secondo i rapporti locali. Mentre Hefei, una città nella provincia di Anhui nella Cina orientale, ha dichiarato che sosterrà le industrie future come il metaverso e la superconduttività.
Anche i giganti tecnologici cinesi, tra cui Alibaba e Tencent, stanno pianificando di passare al metaverso con Baidu che afferma che potrebbero passare sei anni prima che il loro metaverso venga costruito. Mentre in Occidente si dice che Apple stia cercando di entrare nel mercato AR / VR che potrebbe portare nuove entrate oltre le loro linee di iPhone.
In questo quadro, la blockchain è una parte cruciale del più ampio metaverso in quanto è il modo in cui si esegue l’onboarding attraverso un indirizzo crittografico, con cose come Decentraland che danno una potenziale anteprima. In Cina, un regime normativo ostile nei confronti delle criptovalute e dell’innovazione crittografica implicano che la blockchain sta diventando una sorta di caricatura.

“L’app di trading per collezionisti NFT di Tencent ‘Magic Core’ ha attirato l’attenzione dei collezionisti (anche se gli NFT attualmente venduti non possono essere scambiati e non sono trasferibili come regali)”, afferma Jing Daily. Xinhua ha pubblicato circa 11 ‘NFT’ che a quanto pare sono invece più ‘oggetti da collezione digitali’ che non è possibile trasferire e quindi non hanno alcun token effettivo che opera su una blockchain pubblica, e quindi sono in realtà in questo caso davvero solo un jpeg.
Questo approccio conservativo a nuove ambiziose innovazioni nell’arte e nella tecnologia attraverso gli NFT è dovuto a un’agenda anti-innovativa da parte dell’amministrazione di Xi Jinping. In una lettera pubblicata oggi Xi ha parlato di “Rafforzare, ottimizzare ed espandere continuamente l’economia digitale cinese”, ma, in un linguaggio burocratico tipicamente denso, Xi ha affermato che “rispetto ad altre economie digitali, l’economia digitale cinese è grande ma non forte, veloce ma non eccellente”.
“L’economia digitale è una scelta strategica per cogliere le nuove opportunità del nuovo ciclo di rivoluzione tecnologica e trasformazione industriale. Il sano sviluppo dell’economia digitale è favorevorisce la promozione e la costruzione di un nuovo modello di sviluppo, la costruzione di un sistema economico moderno e la costruzione di nuovi vantaggi competitivi nazionali”. Ma poi Xi puntualizza che nell’economia digitale “ci sono anche alcuni segni e tendenze malsani e irregolari”.

di Alessandro Crea
mercoledì 19 Gennaio 2022 14:00

ARTICOLO META CIN