Che cosa succede ai conti di Facebook e Spotify?


ENGLISH VERSION

Trimestrale deludente e titolo in forte calo nell’after-hours per Meta, la società che controlla Facebook. Anche le azioni di Spotify calano. Numeri e commenti

Che cosa succede ai conti di Facebook e Spotify?
di Chiara Rossi

Gli investitori non sono rimasti colpiti dalla trimestrale poco brillante di Facebook, ribattezzato Meta.
Poco dopo la pubblicazione dei conti, il titolo di Meta Platforms cedeva nell’after-hours oltre il 20%. Utili, crescita degli utenti e guidance si attestano sotto le attese del consensus degli analisti.
Le azioni di Meta sono crollate suggerendo che gli investitori non sono esattamente convinti dal nuovo look di Facebook.
Stesso effetto pare su Spotify. Le prospettive degli abbonati alla piattaforma di streaming musicale hanno oscurato gli utili del quarto trimestre poiché le azioni della società sono scese di quasi il 18% nel late trading.
Ieri Spotify ha comunicato agli investitori di attendere abbonati per il trimestre in corso inferiori alle aspettative di Wall Street. Tuttavia, i dirigenti hanno cercato di rassicurare gli investitori sul fatto che la crescita non era andata a picco anche se affronta le ricadute della controversia sul podcast The Joe Rogan Experience. (Qui l’approfondimento di Startmag su Neil Young, Joni Mitchell e Joe Rogan: Spotify cambia la musica ma non i suonatori).
La crescita degli utenti per Facebook e degli abbonati per Spotify sono al centro dell’attenzione investitori in questo momento.
Tutti i dettagli.

I NUMERI DELUDENTI DI META (FACEBOOK)

Trimestrale deludente e titolo in forte calo nell’after-hours per Facebook, che ha comunicato i suoi primi risultati da quando la casa madre ha cambiato nome in Meta Platforms, in riferimento al Metaverso, il suo grande progetto futuro.
Nel quarto trimestre del 2021 Meta ha registrato ricavi di 33,67 miliardi, contro i 33,4 miliardi attesi. In aumento del 30% rispetto allo stesso periodo del 2020 (28,072 miliardi). Cala invece la redditività. La società ha registrato un utile per azione di 3,67 dollari, contro i 3,84 dollari del consensus.
CHE SUCCEDE AGLI UTENTI?
Gli analisti attendevano anche altri dati: gli utenti attivi giornalieri sono stati, tra ottobre e dicembre, 1,93 miliardi, contro un consensus per 1,95 miliardi; gli utenti attivi mensili sono stati 2,91 miliardi, meno dei 2,95 miliardi del consensus. Il numero di utenti attivi mensili di Meta è cresciuto di un 9% più debole del previsto.

L’OUTLOOK 2022

Per il primo trimestre del 2022, Meta prevede ricavi tra i 27 e i 29 miliardi di dollari, contro un consensus a 30,25 miliardi di dollari.

NUOVE NOME STESSI PROBLEMI?

Come sottolinea Finimize, il principale business di Meta è la vendita dell’”attenzione” dei suoi utenti agli inserzionisti, e su questo fronte si è comportata in modo affidabile: le entrate pubblicitarie sono aumentate di un 20% migliore del previsto rispetto allo stesso periodo del 2020.
Allo stesso modo, le entrate del segmento di Reality Labs, dove si lavora al progetto del metaverso, è cresciuto del 22%. Se i Reality Labs di Meta stanno crescendo, hanno comunque registrato una perdita di oltre 3 miliardi di dollari nell’ultimo trimestre.
IL COMMENTO DEGLI ANALISTI
“Gli investitori che guardano a Meta stanno iniziando a rendersi conto che l’acquisto delle sue azioni non è più principalmente un investimento nella loro piattaforma pubblicitaria”, ha affermato Flynn Zaiger, ceo dell’agenzia di social media Online Optimism. “Investire in Meta ora sembra più un impegno a credere che il metaverso sostituirà gran parte dell’esperienza odierna dei consumatori su Internet”.
E Meta non ha esattamente ripagato gli investitori con la fiducia di poter portare a termine le sue imprese più ambiziose, puntualizza Finimize. “L’ultimo colpo di luna della società – un tentativo di lanciare la propria criptovaluta – si è concluso questa settimana dopo che la pressione normativa ha spinto la società ad annullare del tutto il progetto”.

I CONTI DI SPOTIFY

Ieri ha perso in misura importante anche il titolo di Spotify, in calo del 9% circa, dopo che il bilancio ha messo in evidenza un rallentamento degli abbonamenti premium.
La società ha riportato ricavi aumentati del 24% a 2,7 miliardi di euro nel quarto trimestre 2021. Gli utenti attivi mensili totali sono aumentati del 18% a un record di 406 milioni. Le entrate degli utenti che ascoltano gli annunci pubblicitari sono aumentate del 40% a 394 milioni di euro o il 15% delle entrate totali.
“Gli investitori hanno in gran parte ignorato l’attività pubblicitaria di Spotify durante i primi anni di Spotify come società per azioni, con la crescita degli abbonati che ha dominato la narrativa”, ha affermato in una nota l’analista di LightShed Partners Richard Greenfield.

OSCURATI DALLE PREVISIONI

Ma sono le stime per il 2022 a preoccupare il mercato.
Le entrate del trimestre corrente dovrebbero soddisfare le stime di 2,60 miliardi di euro. Tuttavia, il servizio di streaming prevede che il margine di profitto lordo del primo trimestre 2022 scenderà al 25% dal 26,5%. Non solo, la società prevede 183 milioni di abbonati pagati, al di sotto delle aspettative di 184 milioni. Spotify si aspetta quindi di raggiungere solo tre milioni di abbonati premium in quel periodo, un netto rallentamento rispetto agli ultimi trimestri.